expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>
I libri, come le persone, giungono sempre dove sono attesi...

mercoledì 8 febbraio 2017

Il libro in viaggio: conclusione


Per la filosofa Maria Zambrano “Vi sono viaggi di cui solo al ritorno si comincia a sapere”, probabilmente perché al ritorno del viaggio non siamo più le stesse persone di quando partiamo. Dobbiamo ri-tornare a conoscere i tratti familiari e a sentire nostri ciò che di nuovo appare tra le pieghe della nostra anima. Molte volte intraprendiamo un viaggio per capire chi siamo e cosa desideriamo, lasciamo i nostri luoghi abituali per partire alla ricerca della nostra vera identità. E cos’è alla fine la lettura di un libro se non un viaggio anche alla ricerca di se stessi?

Una lettrice del libro in viaggio, nonché straordinaria scrittrice, Stella Stollo  ha lasciato, sul taccuino che ha accompagnato il libro, delle bellissime parole inerenti alla “lettura”:

“Come se il libro fosse una sorta di binocolo per guardare dentro di noi e scorgervi qualcosa della nostra esperienza di vita, qualcuno dei nostri sogni, qualche passione che ci appartiene…uno strumento per captare e comprendere meglio barlumi della nostra anima.”



Il libro ha viaggiato verso voi e con voi, ha accolto i vostri batticuori e i vostri sospiri, ha trattenuto quanto è accaduto nella vostra vita durante il periodo che è rimasto con voi, diventando uno scrigno prezioso di pensieri, suggestioni, moti del cuore. Leggendo le vostre parole ho imparato a conoscervi meglio, ed è commovente e affascinante entrare nelle vostre esistenze, ripercorrendo le pagine sulle quali i vostri occhi si sono mossi e le vostre mani adagiate.

Insieme ad Anita, abbiamo compiuto anche noi il nostro viaggio, solcando oceani di inchiostro per approdare in quella terra promessa fatta di carta e sogni, che puntualmente la lettura ci concede.

Tutte donne. Dodici splendide donne, “complicate, come ogni donna che si rispetti” , tanto per citare il libro in viaggio, perché “semplice” non è l’aggettivo che più si addice alla maggior parte di noi, noi che viaggiamo su binari opposti a quelli del conformismo, noi che lottiamo per la nostra indipendenza, per una “stanza” tutta per noi, per i nostri ideali, ma che poi desideriamo essere amate come si ama nei libri, in modo travolgente e appassionato, perché “l’attrazione è alchimia” come ci ricorda una delle lettrici, Rosalia Cozza, e qualsiasi spiegazione sfugge e si cela alla nostra mente. Donne che non amano soffocare i propri sentimenti, ma danno importanza al proprio “sentire”, che seguono il proprio istinto, che possono sembrare “folli” agli occhi di non vive col cuore, che si abbandonano ai profumi e ai colori evocati dalla lettura che riconciliano con la vita, che riescono a cogliere le mutevoli sfumature dell’esistenza, che avvertono e afferrano quel filo invisibile “teso da lontano” che è l’amicizia vera, quella rara tra due donne. 

La lettura stessa crea questo filo prezioso di amicizia e stima tra persone lontane: Nord e Sud, Italia e Austria percorse da un fremito di sorellanza e gaiezza.

Queste le meravigliose lettrici de Il libro in viaggio:




1. Katiuscia Mansella, Vienna – Austria

2. Miriam Mapelli, Inzago – Lombardia

3. Linda Misuraca, Varese – Lombardia

4. Lara, Bergamo - Lombardia

5. Chiara Maria Gemmo, Pojana Maggiore – Veneto

6. Michela Castagna, Castelgomberto, Veneto

7. Erika Pilotto, Noventa Vicentina – Veneto

8. Sandra Lobrefaro, Piacenza – Emilia Romagna

9. Laura Calderini, Orvieto - Umbria

10. Stella Stollo, Montepulciano – Toscana

11. Rosalia Cozza, Salerno – Campania

12. Sara Daniele, Pescara - Abruzzo



Chiara Maria Gemmo, un’altra lettrice del libro in viaggio, ha lasciato una splendida citazione di Vera Nazarian:“Ogni volta che si legge un buon libro, in qualche parte del mondo, una porta si apre per lasciare entrare più luce.”

Io credo che tutte queste sorprendenti lettrici, unite dalla lettura dell’incantevole e appassionante libro di Linda Bertasi, abbiano spalancato contemporaneamente decine di finestre: una luce intensa, una brezza gentile ha accarezzato i nostri cuori, ha in qualche modo mutato i nostri percorsi stabiliti e tracciati, ha connesso inevitabilmente le nostre vite diverse, rendendoci parte di una immensa entità, luminosa e avvolgente.



Non potevo non realizzare un piccolo video per contenere le emozioni di questo viaggio straordinario! 
Buona visione....
“I libri sono ponti ostinati:

uniscono, creano legami.”

Giuseppe Avigliano







Queste le pagine del taccuino con tutti i pensieri delle lettrici:


























Ecco alcune pagine del libro, impreziosite dai ricordi delle lettrici:



























Il mio grazie più caro a tutte voi perché avete allietato tutti questi mesi con le vostre emozioni e la vostra affettuosa partecipazione; un grazie immenso a Linda Bertasi per avermi affidato la sua creatura per farla viaggiare in modo avventuroso e imprevedibile.

Ora il libro è pronto per tornare a casa, da Linda, anche se sono sicura che in ogni luogo visitato, nelle stanze di ogni lettrice è stato come se fosse a casa propria.

Grazie anche voi, lettrici e lettori che avete seguito con trepidazione questo viaggio.
Appuntamento al prossimo libro in viaggio, che partirà molto presto.
A presto!


















lunedì 22 agosto 2016

Il libro in viaggio: Ultima tappa


Il nostro amato Libro in viaggio è giunto, con immensa gioia ma anche con un po' di tristezza, alla sua ultima tappa.
Ha attraversato luoghi e stagioni, scandendo e allietando le giornate di dodici lettrici di cui abbiamo ascoltato la voce e assaporato emozioni e sentimenti.
In questo coro di voci sensibili e gioiose, ci soffermiamo adesso su quella dell'ultima lettrice, Linda Misuraca, che ha accolto Il Profumo del Sud nella sua Varese, in Lombardia.

Linda Misuraca con Il Profumo del Sud

"Ho iniziato questo libro non sapendo bene cosa aspettarmi, immaginavo il mare, il Sud ed i suoi profumi. Il romanzo rosa non è proprio il mio genere preferito è solitamente non lo leggo, ma sin da subito la storia prende una piega interessante, incalza e non si può fare a meno di leggere e leggere per conoscere il futuro dei protagonisti. L'amore, qui, fa da bellissima cornice ad una passione travolgente ... troviamo questo sentimento in tutto, nei profumi, nei gesti, negli abbracci , nei baci . Le parole di Linda colpiscono per l' autenticità di un amore che quando si incontra non si riesce a respingere. Ben scritto, scorrevole e dettagliato al punto giusto. Per me è stata una buona lettura."

Nei prossimi giorni ripercorreremo tutte le tappe del libro, conosceremo le tracce che ogni lettrice ha lasciato tra le sue pagine e vi preannuncio che sarà un viaggio a ritroso appassionante ed emozionante: un viaggio nel viaggio, ricco di sorprese e suggestioni difficili da dimenticare.
A presto!

mercoledì 30 marzo 2016

Il libro in viaggio: Penultima tappa

Sarà questa primavera che gioca ancora con l'inverno, questo invocare inconsapevole della possibilità di una rinascita, ma mi sento come in bilico, sulla soglia di ciò che dovrebbe essere ma ancora non è.
Ma, come sempre, sono i Libri a ridare a tutto la giusta luce, e le Parole, salvifiche, forti, insostituibili.
A portare gioia e allegria è anche il nostro Libro in viaggio, giunto ormai alla sua penultima tappa: dall'Abbruzzo è volato fino in Lombardia, a Inzago, tra le mani di Miriam.
Cosa avrà rivelato Il Profumo del Sud ai begli occhi di questa lettrice?
Sarà lei a condividerlo con noi attraverso i suoi pensieri.
Buona lettura!



Miriam con Il Profumo del Sud


"Un libro che ti travolge con tutta la sua passione; le storie dei protagonisti irrompono nella vita del lettore come un vento impetuoso. E allora vorresti essere sul ponte di quella nave per sussurrare ad Anita che il suo amore è arrivato al porto in ritardo e sta gridando il suo nome…Poi però vorresti che il profumo di fragole e gelsomino si fondesse con quello del muschio per liberare al più presto la passione tra Isabella e J.H.
E ancora non ti capaciti che l’amore di un padre possa trasformarsi in così tanto odio da portare la sua stessa carne a gesti estremi.
C’è un po’ di tutto in questo meraviglioso viaggio… Ci sono gli accenni storici alla guerra che ha portato l’America a liberarsi (davvero???) della schiavitù. 
C’è l’amore forte, innegabile, passionale e travolgente che tutte noi vorremmo vivere nella nostra vita e per il quale tifiamo fino alla fine. C’è l’amicizia tra due donne e quella tra un uomo e una donna che ci conferma quanto sia impossibile per un uomo ed una donna essere solo amici…".




La passione che trabocca dal libro di Linda sta contagiando tutte le lettrici che stanno condividendo questa straordinaria avventura...ed io ne sono immensamente felice.
Ora Il Profumo del Sud è giunto a casa dell'ultima lettrice, e già avverto nostalgia per questo incredibile viaggio; ma ciò che mi rasserena è la speranza di aver lasciato un bellissimo ricordo nel cuore di tutte le lettrici e in quello di Linda che molto presto riceverà il suo libro ormai diventato una cassaforte di gioielli...e poi sto pensando alla seconda edizione e ad un nuovo libro - bellissimo - che intraprenderà il suo cammino errabondo per regalare emozioni e sogni.
A presto, care lettrici e cari lettori.

mercoledì 17 febbraio 2016

Il libro in viaggio: Decima Tappa

Sono trascorsi un po' di mesi dall'ultima tappa del nostro instancabile Libro in viaggio.
E' giunta alla conclusione un anno denso di emozioni e di avvenimenti.
Cosa porterà con sé questo nuovo anno? Sicuramente tante letture che creeranno, come sempre, un caleidoscopio di stati d'animo.
Ahimè, sono in tremendo ritardo nel rendere nota la decima tappa che ha visto protagonista Il Profumo del Sud di Linda Bertasi...colpa di questo tempo che sfugge dalle mani e ci costringe spesso a mettere da parte proprio ciò che amiamo di più.
Il nostro libro si è fermato per qualche settimana in provincia di Pescara, tra le pareti tappezzate di libri dell'incantevole blogger Sara Daniele.
Anche questa lettrice speciale è rimasta irretita dalla bellezza di questa storia profumata di Sud e d'amore...
ecco a voi i suoi pensieri e le sue impressioni!
Buona lettura carissimi lettori e lettrici!

Sara Daniele con Il Profumo del Sud

"Questo libro è stato una piacevole scoperta. È stato lui a trovarmi, quasi per caso, quando la mia amica Rossella del blog "Books Serendipity" mi ha chiesto se mi avesse fatto piacere partecipare all'iniziativa de "Il libro in viaggio". In pratica il romanzo sarebbe stato spedito, di volta in volta dopo la lettura, da una partecipante all'altra. Incuriosita ho accettato. È arrivato a me già dopo aver viaggiato tanto e quindi pieno di segnalibri, cartoline ed emozioni che le altre lettrici hanno apposto ai margini del libro e in un quadernino che accompagna il viaggio. 
Sono stata davvero felice di questa iniziativa, che mi ha ricordato i ring che pratico da anni tramite Bookcrossing, proprio grazie a questo meccanismo e che mi hanno permesso di leggere tantissimi libri, tra i quali qualcuno che forse, scioccamente, non avrei mai acquistato credendo non potesse piacermi. 
Il profumo del Sud, invece, era nella mia lista desideri da un po', quale modo migliore per scoprirlo.
'Sense and Sensibility' spiccava sul letto dell'angusto camerino... Inizia così questo romanzo ambientato alla fine del 1800, con un piroscafo che parte dal porto di Genova verso il Nuovo Mondo. A bordo c'è Anita, persuasa ad allontanarsi da quella terra, da tutto il suo passato, da una scomoda verità e convinta di dover affrontare da sola la nuova vita che le si prospetta. Ma a condividere il viaggio con lei ci sono anche il seducente Justin Henderson e Margherita, che presto diverrà sua amica, convincendola ad essere sua ospite in America per qualche tempo. Anita accetterà di restare a Montgomery solo per un po', ma cambierà presto idea innamorandosi di un Sud America che incanta con le sue bianche colline, i suoi profumi, i suoi sapori e il nascere di un tormentato amore. 
Sullo sfondo, essenziale per la storia, l'ombra oscura della guerra civile e dell'inevitabile inquietudine che porta con sé. 
L'ho letto assaporandone ogni momento, ogni profumo e ogni sensazione. Grazie alle bellissime descrizioni dell'autrice ho ammirato paesaggi ed edifici, ho trattenuto il fiato durante le angherie, sono rabbrividita ascoltando racconti di guerra e mi sono emozionata per gli sguardi che parlavano più delle parole. 
Tra i tanti libri letti negli anni, pochi scrittori sono stati capaci di rapirmi alla mia epoca per catapultarmi nel passato, facendomelo vivere e sentire, oltre che immaginare, come ha fatto Linda Bertasi. 
Un salto nella fine dell'Ottocento americano, tra quelle atmosfere e quello stile di vita. 
Viene menzionata anche Napoli e il suo Regno e mi sarebbe piaciuto viverla di più attraverso le descrizioni dell'autrice, ma è un appunto puramente egoistico, essendo io napoletana. 
Devo ammettere che, più che la storia d'amore in sé raccontata tra le pagine di questo libro, mi hanno intrigato tutti i personaggi che ci girano intorno, popolandone il quadro d'insieme con la loro personalità e le loro scelte. 
Ognuno di loro ha una motivazione per tutto ciò che fa e nulla è lasciato al caso. 
Questa è una caratteristica che mi piace molto, nelle persone e nelle caratterizzazioni: la decisione e l'assumersi le proprie responsabilità 
Mi sono identificata con Anita, nella sua forza di volontà e nel suo carattere forte. Mi sono identificata anche con Justin, nel suo rincorrere ciò che crede essere il suo ideale da perseguire ad ogni costo. Mi sono identificata in Margherita, nel suo tentare di proteggere e aiutare un'amica in difficoltà. 
Ma quello in cui mi sono ritrovata di più sono, senza dubbio, il pensiero intriso nel libro, per cui la vita è un continuo mutare ed evolvere e il riferimento al viaggio come percorso di scoperta di sé stessi e di ciò che si desidera."

Che dolci pensieri, vero?
Intanto Il profumo del Sud è ripartito e presto leggeremo le sensazioni di una nuova lettrice.
Curiosi?
Io tantissimo....
A prestissimo carissim*!

venerdì 30 ottobre 2015

Il libro in viaggio: Nona tappa


Foto di Chiara Maria Gemmo: Il profumo del Sud con tutti i regali delle sue lettrici
E' passato così tanto tempo dall'ultima tappa de Il libro in viaggio??!!
Si sa, la stagione estiva ci assorbe con il con il suo caldo turbinio di impegni lavorativi e vacanzieri.
Ma ecco che è arrivato l'autunno e con lui il tempo della lentezza e del tepore della casa.
Il nostro libro in viaggio si è riposato tra le braccia di una lettrice molto bella, Chiara Maria Gemmo, nella sua Noventa Vicentina: è stato coccolato, letto, apprezzato e ha ripreso il suo pellegrinare.
Ma cosa ne pensa Chiara de Il profumo del Sud della straordinaria Linda Bertasi??
Sarà proprio lei a raccontarlo!
Ecco i suoi pensieri profumati:

Chiara Maria Gemmo con Il profumo del Sud



Ogni volta che si legge un buon libro, 
in qualche parte del mondo, 
una porta si apre per lasciare entrare più luce. 
(Vera Nazarian) 

Un caloroso Ciao a tutto il Gruppo di questo Libro Itinerante in Italia e all’Estero, a cui spero si aggiungano sempre più persone anche maschi (che l’opinione maschile fa sempre bene e allarga gli orizzonti!).
Volevo ringraziare la bravissima autrice Linda Bertasi per averci fatto calare, con il suo libro, in un’epoca passata, rispetto ai tempi di oggi, molto più cibernetici, veloci e spesso frettolosi! E non da meno la cara Rossella che coordina magistralmente tutta questa “macchina” che rende possibile il correre dei nostri pensieri qui e là! 
Il libro molto romantico e struggente racconta minuziosamente epoche storiche passate difficili, che si snodano tra Italia ed America, in cui ci sono conflitti politici e bellici, sofferti e duri come solo la guerra sa sempre tristemente presentare anche ai giorni nostri. 
La protagonista è una donna forte, controcorrente, che sa lottare per le cose in cui crede, con molto spirito di iniziativa e coraggio, soprattutto per i tempi di allora, che tutte e tutti dovremmo ammirare e da cui dovremmo trarre esempio. Nonostante le difficoltà, riesce a coronare vari sogni, in particolar modo l’amore e la maternità, nello scorrere di vicissitudini aspre, crudeli, ignobili, con un fato spesso avverso e soprattutto ancora in un mondo maschilista e classista. 
Le figure degli uomini si dividono tra gli infimi e i “veri uomini” che sanno prendersi cura, incoraggiare e condividere con le donne (purtroppo, alcune donne, fin dalla notte dei tempi preferiscono i primi!). 
Questo libro ci ha fatto sicuramente lottare, sperare e gioire insieme con la protagonista. 
Non dico altro, visto che altre persone devono ancora leggerlo!!! 
P.S. Noto che non sono mancati attimi focosi, sensuali e carnali descritti con grande proprietà di linguaggio! Complimenti!
Chiara Maria
Chiara Maria Gemmo con Il profumo del Sud
Grazie di cuore Chiara...grazie per esserti unita a questo equipaggio molto particolare di lettrici!
E a voi tutt* un arrivederci alla prossima tappa: chi sarà la prossima lettrice?
Vi dico solo che  il libro è approdato a Pescara...A prestissimo!


martedì 30 giugno 2015

Il libro in viaggio: Ottava tappa

Le lettura ci consente di fare incontri che possono, talvolta, cambiare la nostra vita, o quanto meno modificare il modo di guardare il mondo e di affrontarlo. Attraverso i libri ho conosciuto persone splendide che nonostante la distanza fisica ho sentito e sento particolarmente affini alla mia anima; dicevo ho conosciuto ma anche incontrato nuovamente, dopo tantissimi anni, persone che avevo perso nel passaggio dall'adolescenza all'età adulta.
E' proprio grazie all'amore per i libri e la lettura che si è compiuto un piccolo miracolo: ho potuto rivedere una persona conosciuta da bambina per le strade di un piccolo paese calabrese, una donna che ho sempre ammirato e che ammiro oggi ancora di più, giungendo a  condividere con lei, quale sensibilissima lettrice e scrittrice di grande talento, questa passione per le storie custodite tra la  carta e l'inchiostro.
Rosalia Cozza con Il Profumo del Sud
Il nome di questa donna incantevole, che ha fatto parte di questo viaggio giunto quasi al suo epilogo, è Rosalia Cozza.
E il nostro libro in viaggio raggiunte una luminosa e calda città del Sud, Salerno.
Non voglio dilungarmi ancora, ma solo ringraziare Rosalia e tutte le altre lettrici che mi stanno accompagnando e sostenendo in questo viaggio ricco di sorprese del meraviglioso libro di Linda Bertasi, una splendida persona che è entrata a far parte della mia vita e l'ha resa ancora più preziosa con la sua amicizia ed il suo affetto.

Ora vi lascio all'incanto della recensione di Rosalia.
Buona lettura!

Sense and Sensibiliy spicca sul letto dell’angusto camerino …. 
Inizia cosi il primo capitolo del romanzo di Linda Bertasi trascinandoci nei pensieri di Anita attraverso due domande fondamentali: ”In quelle terre sarà possibile a una giovane donna leggere liberamente? E le idee saranno libere di viaggiare con le parole?”.
Ed ecco che s’intuisce subito che il suo è un viaggio verso la libertà. 
La protagonista sta lasciando il porto di Genova, con un colpo d’occhio ci ritroviamo con lei su quel piroscafo a vapore, che non ha niente a che vedere col più mitico dei transatlantici “ ma somiglia più ad un brigantino” … è sola, ma sono i suoi capelli di un “castano incendiato” a catturare il nostro sguardo, così come ne è catturato l’uomo che a pochi metri da lei ne respira il dolce profumo di “fragole e gelsomino” … fino alla fine! 
Ecco perché “ Il profumo del sud “si legge quasi d’un fiato: incuriosisce! 
Ti tiene inchiodata sul divano, sulla poltrona, sul sofà, insomma, in qualunque comodo angolo decidi di rifugiarti per lasciarti sedurre dalla sua malia sottile. Di solito quando inizio un libro penso sempre a quello che lo scrittore vuole dirmi, e incomincio ad ascoltare, e, attraverso Anita/Isabella, Margherita, Justin, Mister Jones, Emma e altri personaggi, ho sentito ma soprattutto, percepito, visto. Tutto merito di una narrazione fluida, efficace, gentile, consapevole, inserita in una trama ben congegnata che coinvolge.. Ho anche appreso che pur ammiccando ai grandi romanzi ottocenteschi, l’autrice ha voluto dare un significato più moderno all'amore, alla passione e alla ricerca della libertà della sua protagonista. “Essere padrone del proprio destino”, anche quando questo destino ti si rivolta contro. Ho vissuto il coraggio della partenza, la fatica necessaria per costruire una nuova vita, le conseguenze dell’amore passionale, il dramma dello schiavismo e della guerra. Perciò, direi che tutto quello che serve a trasportarci nella dimensione del romanzo storico nella lettura di “Il profumo del sud “, c’è, e da questa lettura oserei dire: si riemerge arricchite. 
Un periodo storico quello di metà ottocento che vede l’Italia diretta all'unificazione e l’American impegnata nello scontro ideologico tra nord e sud, periodo che abbiamo imparato a conoscere e amare soprattutto grazie e attraverso il cinema, le grandi saghe hollywoodiane, e che l’autrice racconta con dettagli degni di nota. La risoluzione del finale ha in se un colpo di scena che la dice lunga su quello che l’autrice ci ha rivelato via, via, tra le righe. 
Emozionante, drammatico, passionale e poetico.
Questo romanzo mi è piaciuto molto. 
Care lettrici, vi assicuro (sperando che sarete d’accordo con me), che il profumo si percepisce dall'inizio alla fine! 
Brava Linda Bertasi... Ad maiora semper! 

E Arrivederci al prossimo libro in viaggio!
Rosalia Cozza



Grazie lettrici del mio cuore...ci ri-leggiamo alla prossima tappa!
Un abbraccio!